Accedi

Ho dimenticato la password

Registrati Gratis


Badges Disponibili
Cassaforte e Guadagni

Clicca qui per leggere questa news!
Clicca qui per vedere l'elenco di tutte le notizie inerenti #Habbo2020!
Diventa Staff
Ti piacerebbe entrare a far parte del team di questo fansite? Inviaci ora la tua candidatura, clicca su questa icona:
Buona fortuna!
Ultimi Distintivi
Top 10 della Settimana
Ipostasi6 Messaggi - 19%
Rory-.-6 Messaggi - 19%
HabbolifeForum5 Messaggi - 16%
mar-mar4 Messaggi - 13%
Giacom013 Messaggi - 9%
matty124572 Messaggi - 6%
eleonoraporta2 Messaggi - 6%
Antani2 Messaggi - 6%
HabboOk!1 Messaggio - 3%
Marta_131 Messaggio - 3%

Cerca
 

Risultati per:

 

Link Partners



» Link Partners

Nuovo argomento   Rispondi


Festival di Venezia "Padre Nostro" con P.Favino

Messaggio Da Giacom01 il Sab 5 Set 2020 - 17:11

Anni di piombo, ma anche no. Padrenostro (tutto attaccato), primo film italiano in Concorso a Venezia 77, è il titolo storico/drammatico che spiazza le più banali attese. Pur mettendo al centro della drammaturgia un attentato terroristico – quello subito nel dicembre del 1976 a Roma dal vicequestore Alfonso Noce, padre del regista Claudio – poi svicola abilmente dall’oramai frusto scontro ideologico vittime vs. colpevoli per un terreno più intimo e simbolico. Più che Buongiorno, notte, insomma, è un Buongiorno papà (che non ci sei mai).

SINOSSI


Roma, 1976. Valerio ha dieci anni e una fervida immaginazione. La sua vita di bambino viene sconvolta quando, insieme alla madre Gina, assiste all’attentato ai danni di suo padre Alfonso da parte di un commando di terroristi. Da quel momento, la paura e il senso di vulnerabilità segnano drammaticamente i sentimenti di tutta la famiglia. Ma è proprio in quei giorni difficili che Valerio conosce Christian, un ragazzino poco più grande di lui. Solitario, ribelle e sfrontato, sembra arrivato dal nulla. Quell’incontro, in un’estate carica di scoperte, cambierà per sempre le loro vite.

COMMENTO DEL REGISTA


La sua figura forte, magnetica, eroica, assurge ad archetipo di un’intera generazione di uomini per i quali le emozioni erano percepite solo come debolezza e obbligate a essere camuffate da silenzi. Nel dicembre del 1976, quando mio Padre subì l’attentato, io avevo un anno e mezzo: abbastanza per comprendere la paura, troppo pochi per capire che quell’affanno avrebbe abitato dentro di me per molto tempo. Non sono mai riuscito a dirglielo. Scrivere questa lettera a mio Padre tracciando i contorni di una generazione di bambini “invisibili” avvolti dal fumo delle sigarette degli adulti non è stato facile; provare a farlo mutando le parole da private in universali è stata una grande sfida come cineasta e come uomo.

Subito dopo Dio viene Papà” (Wolfgang Amadeus Mozart).

Festival di Venezia "Padre Nostro" con P.Favino Scheda10
Giacom01
Giacom01

Reporter

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : G101
<b>Messaggi</b> Messaggi : 5715

Re: Festival di Venezia "Padre Nostro" con P.Favino

Messaggio Da .ShinzO. il Dom 6 Set 2020 - 16:30

Non è la tipologia di film che piace a me, ma sembra carino.
.ShinzO.
.ShinzO.

Reporter

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : .ShinzO.
<b>Messaggi</b> Messaggi : 637

Re: Festival di Venezia "Padre Nostro" con P.Favino

Messaggio Da Mattia il Lun 7 Set 2020 - 17:30

Mmh non è il mio genere, ma il trailer è carino
Mattia
Mattia

Fondatore

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : kaselli
<b>Messaggi</b> Messaggi : 74227

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto


Nuovo argomento   Rispondi

Siamo su:
Regolamento