Accedi

Ho dimenticato la password

Registrati Gratis


Badges Disponibili
Diventa Staff
Ti piacerebbe entrare a far parte del team di questo fansite? Inviaci ora la tua candidatura, clicca su questa icona:
Buona fortuna!
Ultimi Distintivi
Top 10 della Settimana
symon9632 Messaggi - 23%
Mattia23 Messaggi - 17%
HabbolifeForum19 Messaggi - 14%
l.u.n.a9014 Messaggi - 10%
Jholo12 Messaggi - 9%
Games Hub12 Messaggi - 9%
lights.up8 Messaggi - 6%
mar-mar7 Messaggi - 5%
versaci5 Messaggi - 4%
,Kal5 Messaggi - 4%

Cerca
 

Risultati per:

 

Link Partners



» Link Partners

Rispondi


"Libro di Habbo" "SPECIALE NATALIZIO" The Hanon's Mind

Messaggio Da _Hanon_love Lun 7 Dic 2020 - 19:44

Come iniziare? Questa è la domanda che mi pongo ogni singola volta che mi trovo in questa situazione: devo iniziare un racconto, quali sono le domande che devo pormi, e alla quali ogni volta non so dare una risposta sicura? I complessi mentali mi faccio, sempre e comunque, magari fossero solo i racconti.. Piacerà ciò che scrivo? Forse devo incentrarmi su altro? Come posso attrarre l'attenzione del lettore fin dall'inizio? Sembrano effimeri complessi, da un effimera creatura quale me. E' quasi strano che una semplice ragazzina come me, studentessa esaurita come tanti altri, intraprenda quasi una "carriera" da scrittrice (ma poi a pensarci quale scrittrice? Chi sono io per definirmi tale quando metto su quattro parole, peggio di un testo filosofico senza il minimo senso logico, cercando di trasmettere quelle emozioni, quelle vicende che la mia mente vive per prima, poi io, ed infine cerco di riportarle sulla tastiera con limiti su limiti che Habbo mi impone). Guardo quante persone visualizzano ciò che scrivo e mi chiedo sempre se ciò che stia facendo sia un buon lavoro, la "rivoluzione" che tanto vorrei dare a questo gioco virtuale che, vuoi o non vuoi, fa parte della mia esperienza, della mia vita, almeno fino a questo momento. Ma perché sto scrivendo tutte queste parole vuote ad un pubblico che forse le leggerà e si scoccierà, scritte attraverso una tastiera, l'unico mio portale di espressione: quel titolo "SPECIALE NATALIZIO" quanto lo adoro! Adoro il periodo, adoro la gente che addobba, adoro lo spirito della festa, adoro i regali, adoro la famiglia che fa da cornice alla nostra felicità, quando forse ne vorremmo altra perché semplicemente non apprezziamo ciò che al momento abbiamo e puntiamo a ciò che invece speriamo di avere. Cosa voglio fare quest'anno, dopo due anni del "Libro di Habbo"? Pensai qualche giorno fa e dissi ad alta voce (si parlo da sola ma almeno parlo con qualcuno che è intelligente): Cosa potrei presentare quest'anno per lo speciale natalizio? Sarebbe bello riflettere su diverse tematiche, ma non generalizzando o trattando qualcosa che sbuca dal nulla, ma ambientando una vicenda, discutendone.
La prima tematica che mi venne in mente, alquanto tenebrosa e molto desolante, fu la solitudine: immaginate..

"Un anziano signore, fermamente convinto e fiducioso nello spirito del Natale, nella sua Magia, nella felicità che la sua scia di luce emana, stava addobbando un albero, ad ogni singola decorazione si fermava ammirandone la bellezza: quasi tutte erano personalizzate, chi con foto che solo ricordi emanavano, chi invece era frutto del lavoro meticoloso dei suoi figli, o addirittura dei suoi nipoti. Qualche decorazione era già stata ben posizionata intorno all'albero, mentre altre abitavano ancora nel secolare scatolone, il classico che viene preso una volta l'anno, dove dentro vi è il mondo, sì, quello dei ricordi. Lasciò per un attimo il suo operato, si sedette sulla sua poltrona, posando le braccia sui braccioli di questa, guardando con le lacrime agli occhi ciò che a fine giornata, sarebbe stato un albero illuminato da delle lucine che lo avrebbero circondato, da palline appese ai suoi rami, da una stella sulla sua punta che è sempre difficile far mantenere dritta. L'albero stava ricevendo più amore della stessa persona che glielo stava donando. Il pensiero sbarcò al Natale, da solo, in una grande casa, con un grande tavolo, apparecchiato solo ad un apice, con quel poco che costituiva la cena, e quello sarebbe stato il suo "Cenone Natalizio"."

Amereste vivere il Natale da soli? Credete che quell'anziano signore abbia pensato ai regali? Abbia pensato ad abbuffarsi la sera di Natale? Non posso auto-rispondermi, ma posso dirvi ciò che penso:

L'amore che tanto quel vecchio bramava era quello della famiglia: una madre ed un padre, sicuramente lasciati già andare verso un luogo dove la felicità del Natale sembra esserci sempre; una moglie, apparentemente scomparsa, forse avrà fatto la stessa fine dei suoi..
_Hanon_love
_Hanon_love

Utente Liv.2

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : _Hanon_love
<b>Messaggi</b> Messaggi : 153

Re: "Libro di Habbo" "SPECIALE NATALIZIO" The Hanon's Mind

Messaggio Da Mattia Mar 8 Dic 2020 - 9:29

Uh, uno speciale natalizio! "Libro di Habbo" "SPECIALE NATALIZIO" The Hanon's Mind 2762549214 belle le tue parole e sei bravissima a scrivere "Libro di Habbo" "SPECIALE NATALIZIO" The Hanon's Mind 1182390374

Amare vivere il Natale da soli? In generale nessuno dovrebbe "amare" stare da solo, figuriamoci poi a Natale! Anche se purtroppo quest'anno temo passeremo un natale diverso dal solito e molte persone saranno costrette a non vedere i propri cari

Mattia
Mattia

Fondatore

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : kaselli
<b>Messaggi</b> Messaggi : 75094

Visualizza l'argomento precedente Visualizza l'argomento successivo Torna in alto



Siamo su:
Regolamento