Accedi

Ho dimenticato la password

Registrati Gratis


Badges Disponibili
Diventa Staff
Ti piacerebbe entrare a far parte del team di questo fansite? Inviaci ora la tua candidatura, clicca su questa icona:
Buona fortuna!
Ultimi Distintivi
Top 10 della Settimana
Mattia13 Messaggi - 22%
symon969 Messaggi - 16%
versaci8 Messaggi - 14%
Jholo5 Messaggi - 9%
mar-mar5 Messaggi - 9%
qstefanop164 Messaggi - 7%
zairabimba@4 Messaggi - 7%
,Kal4 Messaggi - 7%
Arro3 Messaggi - 5%
HabbolifeForum3 Messaggi - 5%

Cerca
 

Risultati per:

 

Link Partners



» Link Partners

Rispondi


"Libro di Habbo" "Il Mondo in un'alga" Ep.31 Sapremo tutto

Messaggio Da _Hanon_love il Lun 30 Nov 2020 - 19:13

Luana credette alla storiella inventata da Kamelia per spiegare, falsamente, il rapimento della madre, Politea, ingannando la giovane sirena anche sulla fine che ebbero fatto le guardie che le stavano perseguitando. Erano ancora nella Prigione ma ormai la via d'uscita si era spalancata, dopo che Kamelia ebbe seguito il suo istinto, soggetto a possibile fallimento questa volta, riuscendo a trovare le scale che avevano condotto la killer proprio nell'inoltrato posto..

Luana: "Ma una cosa non mi è chiara.." -disse raccogliendo l'attenzione di Kamelia proprio davanti a lei, sorreggendo la madre, portandola in spalla- "Ma la profezia che ci raccontò quel vecchio, è completata?.." -disse quasi come generalizzando il discorso ad un pubblico più vasto di quello che era realmente-

Kamelia: "Se ripensiamo alla profezia, manca ancora un ultimo passo.." -voltandosi in avanti, guardando dove stesse andando-

Luana: "E sarebbe?" -un silenzio accompagnò quelle poche parole, segno dell'ignoranza di entrambe le sirene- "Aspetta! Ma io ho la tavolozza con su scritta la profezia!" -prendendo questa dalla casacca naturale che si era portata dietro-

Kamelia: "E quando avevi intenzione di dirmelo, domani mattina?!" -voltandosi velocemente verso Luana, dando le spalle al percorso che stavano attraversando-

Luana: "Scusa scusa! Non ti arrabbiare così.." -disse mentre Kamelia si rivoltò in avanti, placando subito gli animi appena appena scaldati- ""Aprirete quella chiave senza serratura, liberando l'anima di colore che cercate".. Fa riferimento al plurale quindi non credo sia solo mia madre.." -lesse quella frase facendo tornare a mente a Kamelia il restante della profezia, pensata e ripensata più e più volte-

Kamelia: "La chiave sta nell'ultima frase.. "Trovate un luogo, trovate l'altro, stesso movente, stesso finale".." -mentre Luana si bloccò nella lettura, rivolgendo lo sguardo alla voltata Kamelia, mentre la madre dormiva beatamente sulla sua schiena- "La profezia non parla di un carcere.. la serratura è una similitudine, e credo di aver capito a chi si riferisca.." -e senza dire nulla, accelerò la nuotata, mentre Luana la seguiva come un segugio, dirigendosi verso l'ignoto di quest'ultima-.

Luana notò che la meta era la superficie, Kamelia voleva raggiungere la superficie, ma non riusciva proprio a capire il perché:

Luana: "Kamelia posso farti una domanda?"

Kamelia: "Dimmi" -nascondendo la sorpresa che le aveva scaturito quel quesito-

Luana: "Quando ci dividemmo, mi paragonasti a tua sorella.. Rivedi in me lei.. Ma allora perché l'hai uccisa?" -ingenuamente pose questa questione, ed avrebbe continuato se avesse visto il volto impallidito dell'imputata-

Kamelia: "Stai chiedendo del mio passato.. odio parlarne.." -lasciando al silenzio la risposta- "Ma.." -meravigliosamente interrotto- "Come hai detto, ti ho paragonato a lei, e sarebbe ipocrita non esprimerti tutta me stessa" -continuando a guardare in avanti-

Luana: "Sai che di me non hai di che fidarti!" -disse accostandosi a lei, guardandola ingenuamente, non sapendo cosa le stesse per dire-

Kamelia: "Ti prego solo di una cosa.." -rivolgendo lo sguardo a Luana- "Non commentare" -e fu da lì che il racconto ebbe inizio- "Io non ho mai ucciso la mia famiglia come a tutti ho fatto credere, l'unica cosa che ho fatto è vederli perire, sotto questi occhi, gli stessi che dimostrano a te freddezza. Un giorno, esattamente 10 anni fa, il sovrano di AtlHab accusò diverse famiglie della città di cospirazione, tutti con membri dipendenti al servizio del Sovrano stesso: senza consulto, senza pensarci, li stanò tutti, uno dopo l'altro, tra cui mio padre. Ci andammo di mezzo tutti, mia madre, mia sorella ed ovviamente mio padre: io mi salvai perché mia madre invogliò me e mia sorella a nasconderci. Lei ebbe più coraggio di me buttandosi a capofitto contro le guardie per difendere chi amava, ed io invece cosa feci? Piansi. Continuai a piangere chi di più amavo da sola..
_Hanon_love
_Hanon_love

Utente Liv.2

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : _Hanon_love
<b>Messaggi</b> Messaggi : 139

Re: "Libro di Habbo" "Il Mondo in un'alga" Ep.31 Sapremo tutto

Messaggio Da Mattia il Mar 1 Dic 2020 - 15:21

Mattia
Mattia

Fondatore

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : kaselli
<b>Messaggi</b> Messaggi : 74689

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto



Siamo su:
Regolamento