Accedi

Ho dimenticato la password

Registrati Gratis


Badges Disponibili
Ultimi Distintivi
Top 10 della Settimana
Mattia51 Messaggi - 24%
l.u.n.a9030 Messaggi - 14%
Consuelo_28 Messaggi - 13%
symon9627 Messaggi - 13%
Games Hub27 Messaggi - 13%
Jholo14 Messaggi - 7%
Giacom0112 Messaggi - 6%
HabbolifeForum9 Messaggi - 4%
Hosted9 Messaggi - 4%
cludio-poliziotto8 Messaggi - 4%

Cerca
 

Risultati per:

 

Link Partners



» Link Partners

Rispondi


30 anni fa... THE WALL dei Pink Floid

Messaggio Da Giacom01 il Mar 5 Nov 2019 - 0:12

Chi ricorda "The Wall dei Pink Floid"? E la storia che ci sta dietro?

9 NOVEMBRE 1989 una data storica




NOVEMBRE 2019 Sembrano un arcobaleno sospeso nel cielo sopra Berlino, i 30 mila messaggi, scritti su pezzi di tela colorata e sorretti da un'immensa rete da pesca, che sventolano davanti alla Porta di Brandeburgo. È la poetica installazione artistica "Visions in motion" dell'artista di Los Angeles Patrick Shearn, che anticipa le celebrazioni per i trent'anni dalla caduta del muro, avvenuta il 9 novembre del 1989. 

"In genere le mie opere sono astratte, ma stavolta sentivo fortemente che dovevo realizzare un'opera partecipativa, cui tutti prendessero parte scrivendo un messaggio perché il muro è stato abbattuto dall'impegno collettivo", ha detto Shearn. "Vengo da un paese in cui stiamo costruendo muri e trovo profondamente imbarazzante e umiliante per me essere in una città che si è trasformata proprio quando il muro è caduto", ha aggiunto l'artista californiano. La rete che si muove al vento, ha detto ancora, simboleggia il desiderio di pace. Tra i 30mila messaggi, scritti da gente comune, si legge "L'amore vince", "Rivoluzione" e "Spero che cadano anche i muri nascosti nella testa della gente". 
(fonte RaiNews)

30 anni fa... THE WALL dei Pink Floid Berino10

9 novembre 1989 - la caduta del muro[/center]

I dirigenti della DDR videro questo processo prima con un certo imbarazzo e poi con crescente resistenza. In Polonia e in Ungheria, dove la crisi economica e le spinte per una riforma erano più forti, la politica di Gorbaciov trovò invece più amici anche tra i governanti. Più arrivavano dall'URSS e dagli altri stati dell'est notizie di riforme economiche e democratiche, e più la popolazione della DDR chiedeva di fare lo stesso nel loro paese, più i leader della DDR si chiudevano a ogni richiesta del genere. Lo stacco tra popolazione e governo diventò un abisso ma la reazione più diffusa tra la gente era ancora la rassegnazione. Alla fine degli anni 80 la DDR era, o almeno sembrava, economicamente abbastanza forte, l'apparato statale sembrava indistruttibile e così nessuno poteva prevedere il crollo verticale che nel 1989 sarebbe avvenuto in pochissimi mesi.

Ogni tentativo di lasciare la DDR in direzione ovest equivaleva ancora a un suicidio, ma nell'estate del '89 la gente della DDR trovò un'altra via di fuga: erano le ambasciate della Germania Federale a Praga, Varsavia e Budapest il territorio occidentale dove si poteva arrivare molto più facilmente!

Cominciò un assalto in massa a queste tre ambasciate che dovevano ospitare migliaia di persone stanche di vivere nella DDR. Ma il colpo di grazia all'esistenza della DDR arrivò quando l'Ungheria, il 10 settembre del 1989, aprì i suoi confini con l'Austria. Ora, la strada dalla Germania dell'est all'ovest (attraverso l'Ungheria e l'Austria) era libera!

Mentre il flusso di persone che arrivò nella Germania dell'ovest attraverso l'Ungheria e l'Austria aumentò di giorno in giorno, anche nella DDR crescevano le proteste e la gente si fece più coraggiosa. Ogni lunedì a Lipsia decine di migliaia di persone manifestavano contro il governo ed ogni lunedì le manifestazioni erano più affollate - anche se manifestare apertamente contro il governo era ancora un rischio enorme dato che il regime aveva ancora il pieno controllo della polizia, dell'esercito, dei servizi segreti e dell'intero apparato repressivo.

Ma anche l'ultimo tentativo da parte del governo della DDR di salvare il salvabile, cioè il cambiamento dei vertici del partito comunista e del governo non servì a nulla. Quando la sera del 9 novembre un portavoce del governo della DDR annunciò una riforma piuttosto ampia della legge sui viaggi all'estero, la gente di Berlino est lo interpretò a modo suo: il muro doveva sparire subito. Migliaia di persone si riunivano all'est davanti al muro, ancora sorvegliato dai soldati, ma migliaia di persone stavano anche aspettando dall'altra parte del muro, all'ovest, con ansia e preoccupazione. Nell'incredibile confusione di quella notte, qualcuno, e ancora oggi non si sa esattamente chi sia stato, dette l'ordine ai soldati dei posti di blocco di ritirarsi e, tra lacrime ed abbracci, migliaia di persone dall'est e dall'ovest, scavalcando il muro, si incontravano per la prima volta dopo 29 anni.
(fonte Storia tedesca)
Giacom01
Giacom01

Reporter

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : G101
<b>Messaggi</b> Messaggi : 5034
<b>Likes</b> Likes : 52

Re: 30 anni fa... THE WALL dei Pink Floid

Messaggio Da Consuelo_ il Mar 5 Nov 2019 - 9:51

Canzone Stupenda dei Pinck Floid! Indimenticabile!
Consuelo_
Consuelo_

Reporter

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : Consuelo_
<b>Messaggi</b> Messaggi : 2009
<b>Likes</b> Likes : 13

Re: 30 anni fa... THE WALL dei Pink Floid

Messaggio Da Mattia il Mer 13 Nov 2019 - 14:31

Bellissima canzone
Mattia
Mattia

Fondatore

<b>Nome Habbo</b> Nome Habbo : kaselli
<b>Messaggi</b> Messaggi : 71099
<b>Likes</b> Likes : 1028

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Torna in alto



Siamo su:
Regolamento